Contributo a Cura di Roberto Ferro

Anna Torres, talentuosa e affermata rappresentante della pittura contemporanea palermitana, propone un'opera, una tela ad olio, che si discosta dalla abituale ispirazione.

La testa del rapace si staglia tratteggiata in dettagli calligrafici su uno sfondo quasi spoglio. All'Autrice interessa lo sguardo! Le piume di differente colore e il becco a rostro acuminato contornano l'occhio estremamente preciso rivolto sullo spettatore.

Il movimento da sinistra volge a destra seguendo l'onda della luce, una dinamica posta in luce dal passaggio delle tonalità scure al chiaro dello sfondo e del becco. Si tratta di un movimento dal chiaro significato simbolico, il presente si origina dal passato, in tutte le valenze.

Lo sguardo del rapace indaga, non sappiamo chi e cosa, una preda oppure un'anima. Anna Torres abilmente lo focalizza sullo spettatore, indagatore. Sembra rivolgersi direttamente all'umano che si avvicini con attenzione all'opera.

Lo "Sguardo alato" sembra porre domande più che fornire risposte. Quale rapporto esiste tra istintività e Natura? Come percepiranno la Natura gli umani che sono tesi a valutare il proprio passato remoto e prossimo? In quale direzione ci incammineremo?

Lo "Sguardo alato" andrà scoperto gradualmente, senza fretta e nella sua apparente semplicità!